L'arte nella storia: 600 a.C. - 2000 d.C.

By Martin Kemp

L’arte non è sospesa nel vuoto. Come scriveva T.S. Eliot, «quel che accade quando viene creata una nuova opera d’arte accade simultaneamente anche a tutte le opere che l’hanno preceduta». Ogni tassello che si aggiunge all’immenso patrimonio artistico dell’umanità ridefinisce los angeles storia stessa e mette in prospettiva diversa ciò che period già stato creato. Arte e storia, uomini e capolavori, sono un tutt’uno nel fluire del tempo.
Tenendo tutto ciò sempre ben presente, Martin Kemp ha scritto questo impeccabile compendio di storia dell’arte, un’illuminante introduzione da cui partire in step with intuire los angeles complessità della nostra immensa tradizione pittorica e scultorea.
Dalla Grecia di Fidia agli affreschi pompeiani, dai mosaici bizantini all’incredibile Medioevo italiano, alla ritrattistica olandese, al Rinascimento e al Barocco; da Vermeer a Canaletto, da Goya a Turner, dalla scuola ottocentesca francese fino alla rottura novecentesca degli schemi, in line with giungere alle ultimissime installazioni artistiche a cavallo del millennio.
Questo breve libro, incredibilmente denso di idee, è un meraviglioso journey de strength artistico, ben congegnato, elegante e godibile: un libro prezioso e necessario in keeping with immergerci nella bellezza del nostro mondo.

Show description

Preview of L'arte nella storia: 600 a.C. - 2000 d.C. PDF

Best Art History books

The Forger's Spell: A True Story of Vermeer, Nazis, and the Greatest Art Hoax of the Twentieth Century

As riveting as a global struggle II mystery, The Forger's Spell is the genuine tale of Johannes Vermeer and the small-time Dutch painter who dared to impersonate him centuries later. The con man's mark used to be Hermann Goering, probably the most reviled leaders of Nazi Germany and a enthusiast collector of paintings. It was once a virtually excellent crime.

The Bernini Bust

After British paintings historian Jonathan Argyll sells a minor masterpiece to an American museum for an exorbitant expense, the museum's proprietor is murdered, a disreputable artwork broker disappears with a Bernini bust, and Argyll discovers his lifestyles is at risk.

Renaissance Art: A Very Short Introduction

Artists like Botticelli, Holbein, Leonardo, Dürer, and Michelangelo and works comparable to the final Supper fresco and the huge marble statue of David, are typical symbols of the Renaissance. yet who have been those artists, why did they produce such memorable pictures, and the way may their unique beholders have seen those items?

Art in Renaissance Italy: 1350-1500 (Oxford History of Art)

The Italian Renaissance was once a pivotal interval within the heritage of Western tradition in which artists akin to Masaccio, Donatello, Fra Angelico, and Leonardo created many of the world's so much influential and fascinating works in numerous creative fields. the following, Evelyn Welch offers a clean photograph of the Italian Renaissance via difficult conventional scholarship and putting emphasis on recreating the event of up to date Italians: the shoppers who commissioned the works, the contributors of the general public who considered them, and the artists who produced them.

Extra info for L'arte nella storia: 600 a.C. - 2000 d.C.

Show sample text content

Ritroveremo una tendenza simile a partire dal Rinascimento. Siamo stati anche testimoni di come l’arte del corpo umano abbia raggiunto gli estremi espressivi del piacere e del dolore. Da ultimo, ma non meno importante, abbiamo assistito all’invenzione della scrittura sull’arte, e con essa del racconto di come l’arte sia diventata una ricerca consapevole di sé, in step with mezzo della quale mecenati e pittori potevano esaltare a vicenda il loro prestige. 2. Immagini e idoli Dalla Simbologia delle chiese e degli ornamenti ecclesiastici, nel Razionale degli uffici divini (ca. 1290 d. C. ) di Guglielmo Durando, vescovo di Mende: III, 1-4: Le pitture e gli ornamenti che si trovano nelle chiese sono le letture e le scritture dei laici, alo cui riguardo Gregorio afferma: Una cosa è adorare le pitture, altra cosa è imparare attraverso l. a. storia rappresentata dalla pittura ciò che si deve adorare. Quello che l. a. scrittura mostra a coloro che l. a. leggono, l. a. pittura lo insegna agli ignoranti che l. a. osservano. [... ] Gregorio sostiene che non dovrebbe essere permessa los angeles distruzione delle pitture con il pretesto che esse non devono essere adorate, perché è evidente come l. a. pittura commuova più della scrittura. In effetti attraverso los angeles pittura il fatto compiuto è posto dinanzi agli occhi, mentre con l. a. scrittura los angeles cosa che arriva è richiamata alla memoria, in qualche misura according to sentito dire, cosa che commuove di meno l’anima. I, 24-25: Le finestre della chiesa, che sono fatte di vetro trasparente, simboleggiano le divine Scritture che respingono il vento e l. a. pioggia, impedendo l’ingresso a tutto ciò che potrebbe nuocere all’edificio e ai fedeli che sono riuniti al suo interno. Invece esse lasciano passare il chiarore del vero sole (Dio) nella chiesa, e cioè nel cuore dei fedeli, illuminando ciò che si trova nel suo seno. Esse sono più larghe all’interno, perché il senso mistico è più esteso e sorpassa il senso letterale. Inoltre le finestre rappresentano i cinque sensi del corpo: los angeles loro forma significa che essi devono essere ristretti all’esterno, in step with non attirare dentro di sé los angeles vanità di questo mondo, ed espandersi all’interno consistent with ricevere più largamente i doni spirituali. Le grate che sono davanti alle finestre rappresentano i Profeti e i Dottori della chiesa militante. 7 Quando l’imperatore Costantino si convertì al cristianesimo, nel 312 d. C. , il ruolo della creazione delle immagini subì una svolta di enorme portata rispetto all’antica Grecia e a Roma. Secondo l’interpretazione più fondamentalista della dottrina cristiana, infatti, le immagini figurative non dovevano esistere affatto. Come osservò più tardi lo scrittore medievale Guglielmo Durando, l. a. Bibbia censura in maniera esplicita l. a. creazione di immagini in sei different occasioni. Il termine �immagine» corrisponde alla parola ebraica consistent with �idolo». period considerato idolatria adorare un’immagine fisica prodotta dalla mano dell’uomo. Solo Dio doveva essere adorato. Alla base del rifiuto ebraico delle immagini c’erano alcuni episodi-chiave dell’Antico Testamento, primi tra tutti l. a. distruzione del vitello d’oro da parte di Mosè e i Dieci comandamenti.

Download PDF sample

Rated 4.21 of 5 – based on 9 votes